Il Colosseo ancora vivo

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on TumblrEmail this to someone

Sia tu romano, italiano o straniero, ti consiglio vivamente di entrare nel Colosseo. Non pensare in maniera superficiale, non lasciarti distrarre dai finti gladiatori, visita questo maestoso monumento e ti renderai conto di quante emozioni è in grado di regalare! Se andate a visitare il Colosseo, potrete avere anche la possibilità rilassarsi passeggiando nel cuore dei viciImmagine correlatani fori, immergendovi in un’ atmosfera unica, tra cultura, verde e storia, lontano dal caos della Roma moderna.

Il Colosseo, originariamente conosciuto come AmphiteatrumFlavium, è il più grande anfiteatro del mondo antico, situato nel centro della città di Roma. La capiente struttura è in grado di contenere più di 50mila persone; la sua  costruzione fu iniziata da Vespasiano, e successivamente inaugurata da Tito. L’ edificio è di forma ovale e presenta 4 livelli; le massicce fondazioni sono realizzate impiegando il tufo, mentre i pilastri sono in travertino, altro materiale frequentemente impiegato nell’edilizia romana. I romani si recavano al Colosseo per vedere diversi “spettacoli”: lotte fra gladiatori, fra gladiatori e bestie, scene di caccia e (forse) naumachie. Sotto l’ arena sono presenti degli ambienti di servizio, disposti su due lati e attraversati da un corridoio. Inoltre, dei sofisticati montacarichi permettevano di far salire le scenografie e gli animali impiegati nei giochi. Per l’ inaugurazione dell’ edificio, l’ imperatore Tito diede dei giochi per tre mesi senza sosta, durante i quali persero la vita circa 2000 gladiatori e 9000 animali.Il Colosseo, dal 1980, è inserito nella lista del patrimonio Unesco, assieme a tutto il centro storico di Roma, e dal 2007 è considerato anche fra le nuove 7 meraviglie del mondo.

Lucrezia

Liceo “N. Machiavelli”, Progetto Pon “Comunicare con l’archeologia!”

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on TumblrEmail this to someone

Comments

comments

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.


*